Treasure Island

Salvatore Fittipaldi


Immagina, puoi: di Salvatore Fittipaldi


Ho immaginato (soltanto: perchè la fantasia, se non ce l'hai,
alla fine te la inventi) di scrivere con le parole consuete,
quelle solite, le correnti: quelle che usa il mondo (di norma,
quando non scrive) quando vive nel suo spazio elementare:
invece, io
(che non conosco la libertà delle parole) ho immaginato
(e insisto, a dire, immaginato) di scrivere per convenienza,
convenzione:
mai avrei immaginato che ci vuole maestria, per scrivere
il mondo, semplicemente, in modo semplice: ci vuole
una memoria ricca, uno sgardo leggero ma profondo:

piuttosto (e questo, in fondo, mi riguarda da vicino
e me lo porto appresso come un limite) non riesco
ad immaginare le prove (inequivocabili) che quello
che immagino, sia un mondo (assolutamente) falso:

Submitted: Friday, September 20, 2013
Edited: Friday, September 20, 2013

Do you like this poem?
0 person liked.
0 person did not like.

What do you think this poem is about?



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?

Comments about this poem (Immagina, puoi: di Salvatore Fittipaldi by Salvatore Fittipaldi )

Enter the verification code :

There is no comment submitted by members..
[Hata Bildir]