Count Giacomo Leopardi

(29 June 1798 – 14 June 1837 / Rencanati)

L'Infinito - Poem by Count Giacomo Leopardi

Sempre caro mi fu quest'ermo colle
E questa siepe che da tanta parte
De'l ultimo orrizonte il guarde esclude.
Ma sedendo e mirando interminati
Spazi di la da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete,
Io nel pensier mi fingo, ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando; e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e'l suon di lei. Cosi tra questa
Immensita s'annega il pensier mio:
E'l naufragar m'e dolce in questo mare.


Comments about L'Infinito by Count Giacomo Leopardi

  • Gold Star - 28,859 Points Fabrizio Frosini (6/15/2015 1:02:00 PM)

    è una delle più belle poesie.. in assoluto..

    one of the most beautiful poems.. (Report) Reply

    1 person liked.
    0 person did not like.
Read all 1 comments »



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?



Poem Submitted: Thursday, January 1, 2004

Poem Edited: Tuesday, January 3, 2012


[Hata Bildir]