poet Maarja Kangro

Maarja Kangro

I CANI DI ATENE

A Pláka, nei dintorni dell'Acropoli,
per non dire di altri posti,
ne girellano e dormono moltissimi.
Cani: grossi, gentili, cortesi.

Con l'entusiasmo degli scolari
traduciamo la lingua nota e profonda,
e faccio foto dei cani:
gialli, bianchi e neri.

"Non c'è nemmeno uno piccolo."
Ti accendi e brilli come uno scienziato:
"Tutti i piccoli sono già morti!"
E ti scintillano gli occhi azzurri.

Un tempo la mandorla era velenosa,
il pisello piccolino,
l'uomo un nano sanguinario!
O forse no?

Siamo più grandi degli antenati.
Ed estremamente gentili.
"C'è qualcosa di malinconico
in quei cani sopravvissuti."

"I cani gentili hanno mangiato gli altri?"
Ceniamo alla memoria
dei cinici (quelli veri)
e beviamo alla salute dei cani cortesi.

Poem Submitted: Wednesday, July 10, 2019

Add this poem to MyPoemList

Rating Card

5 out of 5
0 total ratings
rate this poem

Comments about I CANI DI ATENE by Maarja Kangro

There is no comment submitted by members..

Pablo Neruda

If You Forget Me



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?