poet Maarja Kangro

Maarja Kangro

IL VECCHIO AMANTE

Quando sotto i pantaloni neri
si vede una gamba bianca e pelosa,
la guardo, naturalmente.
Guardo la pancia sotto la giacca
che non è cresciuta molto.
Guardo le mani: tra le persone sul palcoscenico,
le sue sono le più sottili.
Gli occhi.
Non li dovrei guardare, ormai è tardi.
Inizia a parlare,
divento tesa,
e quando si frantuma una frase,
faccio scricchiolire la sedia.
Sono un genitore al concerto di scuola.

Poi ci offrono torte e uva.
Entro nell'altra sala, si sa,
solo per prendere da bere.
Guarda caso. Salve.
Esamino i suoi occhi, il collo
e l'inguine: caldi, un metro da me.

Mi chiedo se i colonizzatori
di una volta pensano cos`i.
Una volta questa terra era nostra.
Come toccarla adesso?
Voi, come ce la fate adesso -
non troppo bene, vero?
Avete fame ed epidemie,
guerre e dittatori
che noi dobbiamo trattenere.
Sappiamo: baracche e auto al fuoco,
bambini con pance gonfie dalla fame.

I suoi denti non sono putrefatti,
le guance non appassite,
gli occhi non rossi.
Giudicando dall'alito,
non si è messo a bere.
La colonizzatrice lo esamina disturbata.
Dove sono allore le mie tracce,
il trauma dell'Altro, la mia giustificazione storica?

Mangiamo l'uva
e beviamo cognac,
adesso s`i che mangiamo l'uva
e beviamo cognac.

Poem Submitted: Wednesday, July 10, 2019

Add this poem to MyPoemList

Rating Card

5 out of 5
0 total ratings
rate this poem

Comments about IL VECCHIO AMANTE by Maarja Kangro

There is no comment submitted by members..

Rudyard Kipling

If



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?