Pietro Grossi


Inferno (Giocando Su Dante) - Poem by Pietro Grossi

E finalmente è stata ritrovata
Parte della Divina mai stampata,
Dante si era provato nell'intento..
Tagliata fu dai Censori del tempo.

'Dimmi Virgilio, chi è mai quell'infame
Che sguazza gaio dentro a quel letame? '..
..'Era colui che si sentiva un Cristo,
sotto lo sterco, eccolo là..Il Ministro!

Tosto, collega, mira il penitente
Che stà lessando in urina bollente,
Perchè un dì ad un amico lui fè torto
E qui lo sta pagando, dopo morto.

E guarda là, il più strano dei Rioni,
Quello che è riservato ai trappoloni,
E si menano a morte, perchè..pare,
rubin tra loro, che altro non san fare.

E lor Rione, quaggiù cosa è nota,
non è nient'altro che una Banca vuota.
Perchè vuota..non sò..quì non c'è nesso
Che lor campare tanto fu lo stesso.

E vedi là..Mefisto invelenito
che gira a destra e manca in tale sito.
Bestemmia e impreca in sì parlata sporca..
..Un di coloro..gli rubò la forca


PG 0102160001

Topic(s) of this poem: joke

Form: Occasional Poem


Comments about Inferno (Giocando Su Dante) by Pietro Grossi

There is no comment submitted by members..



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags


Poem Submitted: Saturday, January 30, 2016

Poem Edited: Saturday, January 30, 2016


[Report Error]