Pietro Grossi


Paradiso (Giocando Su Dante) - Poem by Pietro Grossi

Dolce fanciulla, seducente onda
Nulla hai tu da invidiare a tal 'Gioconda'
Musica canta e poesia favella
Rendete gloria a si fattezza bella.

Beltade, varco di buon senso infrange
Gaio colui che tue membra accarezza
Ergesi cor si palpitante..e piange
Per non poter sfiorar cotal bellezza.

E' corpo mio destato oppur si dorme..
Ma pioggia bagna, e svela che sei vera
E risalta nel meglio le tue forme..
..Primordial pecca di mangiar la mela.


PG3101162300 (Prosieguo) .....


Con ciò mi sono un poco dilettato
E con l'endecasillabo ho giocato.
Imitar Dante un'è cosa da poco,
Conscio che ci accomuna solo il loco.

Indi tentai prima di prender sonno
Di superarmi, di accostarmi al Sommo,
E devo dir che è stato un idillio..
..Spero che non mi sognerò Virgilio.

Topic(s) of this poem: joke

Form: Occasional Poem


Comments about Paradiso (Giocando Su Dante) by Pietro Grossi

There is no comment submitted by members..



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags


Poem Submitted: Saturday, January 30, 2016

Poem Edited: Saturday, January 30, 2016


[Report Error]