Luca Menin


Di Bianco E Nero... - Poem by Luca Menin

Di Biancho e nero
I ricordi del passato son colorati
Come cineprese mute.
Salpati dalla riva, transportati dalla corrente, sfuocata, ingannata.
Si allontanano,
Come scogli, nei prati marini
Dove le onde sbattono, riemergono

Con aguato silenzioso abbagliano il cuore
Maliconici, si attorcigliano, come spine arrampicanti
Sui rami del tempo
Come un abbraccio di calore
Di una fiamma che brucia e riscalda

La quiete corsa di un bambino, dallo sherzo mattutino
E della madre che accarezza, la fronte addormentata
E ora di svegliarsi Orfeo.
Le lenzuola timide si dimenano, squisite dal corpo tiepido

Vestiti odorano di secchi armadi e lavande fiorite
E dagli odori del mattino, seguono i prati d erba adornati di rugiada e gelsomini
Calma e la via d' asfalto grigio scretolato, consumato dal passato
Odori di camomile nascoste dai fruscii del grano.
Vuoti granai dimenticati dall inverno.
Tremano

E di quella bambina, dai capelli dorati, di fronte alla chiesa,
Saporita di mele e doce mango
Il mio primo amore, ho assaporato.
Incompreso e giovane, cheil mio cuore non riusciva a descrivere.

Il tempo non ha pieta, dei tuoi ricordi
In bianco e nero piangono, si lamentano
Che forse la morte quei colori restituisca?
Che Dio esista?

O dolce bambino, che nei prati giocavi,
L odore dei campi bruciati, svelasti
Degli alberi di frutta, del pero, del melo, del albicocco
Rubasti.
Addio miei amori
Addio dolci colori


Comments about Di Bianco E Nero... by Luca Menin

There is no comment submitted by members..



Read this poem in other languages

This poem has not been translated into any other language yet.

I would like to translate this poem »

word flags

What do you think this poem is about?



Poem Submitted: Monday, May 21, 2012



[Report Error]